Babà salato

Babà salato

Arrivo un po’ trafelata a trasportare di sopra il solito tavolo da esterno, ha passato l’inverno in garage e viene riesumato ogni volta in questo periodo. Ho iniziato a sistemare e pulire e a preparare la terrazza per star fuori e godersi qualche pranzo o cena all’aperto. Sono come sempre in ritardo, ma finalmente dopo il trasloco anche la terrazza inizia a prendere sembianze più belle e vivibili e di questo sono molto contenta.
Non vedo l’ora di metter di nuovo mano al barbecue e passata questa settimana di Pasqua iniziare a organizzare qualcosa con gli amici, il sole e l’aria di primavera che mi fa stare così bene.

Pasqua è alle porte e sono in attesa di scappar via qualche giorno, ma non è Pasqua se poi non si prepara almeno un buon lievitato salato, una pizza al formaggio o quegli impasti saporiti con pezzettini di salumi dentro. Invece del solito casatiello ho scelto un babà rustico, quest’anno. Immaginatelo al picnic di Pasquetta, oppure come protagonista della tavola per la colazione di Pasqua? Io lo vedo proprio bene! Per la ricetta ho fatto un po’ di testa mia facendo un doppio impasto.

babà salato

BABA’ SALATO

Per il primo impasto:

300 gr di farina 00
125 gr di latte
50 gr di zucchero
25 gr di burro
3,5 gr di lievito di birra secco
2 gr di sale
1 uovo

Unire nella planetaria la farina, il lievito lo zucchero, mescolare aggiungendo l’uovo e il latte, amalgamare a bassa velocità, poi unire il sale, e il burro fuso.
Mescolare con il gancio ad uncino per 10 minuti fino a che l’impasto non inizia ad essere ben tirato e liscio.

Coprire con la pellicola e lasciar lievitare un paio d’ore.

Per il secondo impasto:

400 gr di manitoba
200 gr di burro
5 uova
100 gr di salame
100 gr di lardo
50 gr di pomodori secchi
150 gr di Parmigiano
3 gr di lievito secco

Unire al primo impasto altra farina il burro morbido impastare sempre con il gancio ad uncino aggiungere il lievito e una per volta le uova. Tagliare e unire i salumi, il formaggio e i pomodori secchi.

Mescolare coprire e lasciar raddoppiare.

A questo punto togliere l’impasto dal contenitore allungarlo su di un piano e formare una ciambella. Trasferirla dentro lo stampo da babà (il mio è da 32 cm di diametro) e lasciar lievitare ancora fino che l’impasto non avrà raggiunto il bordo.

Accendere il forno a 180°, statico e quando ha raggiunto la temperatura infornare e cuocere per 35-40 minuti fino che inserendo la lama di una coltello nell’impasto non esce ben asciutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *