Kitty's Kitchen

in the food for love

Gü ey Chocolate Fudge Torte

torta gu ey_ (18)

La torta Gü ey è una torta diffusa all’estero, in Uk, ma che non è commercializzata in Italia. E’ difficile fare dei paragoni, tuttavia se proprio dovessi associarla ad una tipologia di torta siamo nell’ambito della torta simil-Pistocchi o simil-Barozzi, anche se è molto, molto, molto più zozza! Se vogliamo dirla tutta.
Quantità di cioccolato e burro sono imbarazzanti, per non parlare del quantitativo di zucchero.
Posso dire senza ombra di dubbio che è la torta più ricca di “ogni” che abbia mai cucinato, alla faccia delle ricette senza questo e senza quello. Ogni tanto c’è bisogno della ricetta con tutto.
Però per avere un minimo di soddisfazione, questa fatemela dire! E’ senza farina! :)

Darsi le regole per infrangerle di tanto in tanto, giusto? Questa ricetta non appartiene al mio modo di cucinare ma lo sapevano anche i romani che “semel in anno licet insanire” e quando ho tagliato il burro quasi avevo gli occhi fuori dalle orbite. Il risultato ovviamente, manco a dirlo, è una lussuriosissima torta al cioccolato con un cuore quasi morbido-liquido, incredibilmente scioglievole, per veri amanti del cioccolato. Nonostante questo non si riesce a mangiarne più di un piccolo quantitativo perché appesantisce molto.

E’ anche interessante la tecnica con cui questa sorta di torta ganache viene fatta, lo zucchero viene aggiunto sotto forma di caramello liquido, il che non la rende proprio di facile esecuzione, è una tecnica che io non avevo mai sperimentato e l’ho trovata interessante.

La ricetta è tratta da un Delicious Magazine, dell’anno scorso.

torta gu ey_ (22)

GU EY CHOCOLATE FUDGE TORTA

250 gr di burro
150 gr di cioccolato al 70%
100 gr di cioccolato al 50%
300 gr di zucchero
6 uova
cacao per spolverare

Accendere il forno a 170° e foderare di carta forno una teglia da 23 cm, con fondo amovibile.

Mettere il cioccolato e il burro il una ciotola e scioglierli lentamente a bagno maria, mescolando.

Mettere una pentola sul fuoco con lo zucchero e 4 cucchiai di acqua, senza toccare, fare fondere lo zucchero fino a che non si ottiene la consistenza fluida del caramello, senza farlo scurire troppo

Aggiungere lo sciroppo ottenuto con lo zucchero al cioccolato mescolando velocemente con una frusta e amalgamando.
Aggiungere i tuorli al cioccolato e montare a neve gli albumi per incorporarli al composto a più riprese con una spatola e con movimenti dal basso verso l’alto.

Trasferire il composto in una tortiera e lasciare in forno per 40-50 minuti a 170°.
Lasciar riposare qualche ora, meglio se una notte in frigo prima di tagliarla.

Spolverare con il cacao amaro e servire a temperatura ambiente.

  • Stampa la ricetta

Links correlati

9 commenti

  • imma · 24 febbraio 2014 alle 08:24

    Sarà pure tanta roba ma non sai cosa darei per una fetta adesso!! É decisamente libidinosa!! Un bacio, Imma

  • Rossella · 24 febbraio 2014 alle 08:51

    I tuoi piatti senza quello e senza quell’altro mettono sempre una gran fame. Dove c’è cioccolata c’è comunque bontà.

  • Claudia · 24 febbraio 2014 alle 11:21

    Ecco.. e ti pareva.. per la quantità di burro io me la sogno!!! grrrrrrrr che nervi.. uff.. mi piacerebbe così tanto assaggiarla.. chissà che morbida.. cioccolatosa.. baci e buon lunedì ;-)

  • Serena · 24 febbraio 2014 alle 14:20

    Effettivamente le dosi sono sconvolgenti, però c’è da dire che sono proporzionatissime tra loro: c’è un’esagerazione di tutto e credo che il risultato sia altrettanto grandioso <3

  • simo · 24 febbraio 2014 alle 15:15

    stradeliziosa…le torte che mi fanno impazzire son proprio queste!
    Un abbraccio cara

  • Arianna · 24 febbraio 2014 alle 15:45

    Se è così zozza ė anche buonissima! Non posso di certo tirarmi indietro!

  • FornoStar · 24 febbraio 2014 alle 20:16

    Be’ questo senza mi piace assai… sarò di parte? ;)

  • Giulietta | Alterkitchen · 24 febbraio 2014 alle 21:04

    Oh, mio Dio!
    Questa però vale per tutto l’anno, vero?
    È davvero una botta di vita!!!

  • daniela @ senzapanna · 25 febbraio 2014 alle 12:01

    Credo che nella Pistocchi non ci siano uova… quindi hai ragione a dire che questa è una versione più… zozzissima! ;-)

Lascia un commento

<<

>>