sorbetto ai lamponi e spumante

sorbetto lamponi e spumante

Forse l’idea potrebbe sembrare un pochino datata, o forse è questo l’effetto che fa a me.
Quando lavoravo al ristorante, servivamo vari cocktail a base di spumante e frutta, sono passati ormai più di una decina d’anni, ma ricordo bene che il Bellini e il Rossini erano quelli che andavano per la maggiore, al pari di quello che alcuni chiamavano “sgroppino” ed era granita al limone e spumante, ma questo non lo preparavamo a lavoro, mi è capitato di vederlo in giro. Anzi! Ora che ci penso di recente l’ho visto presente anche nel menù del Palm court dell’Hassler, quindi tanto fuori moda forse non è!
Tuttavia devo dire che non ho mai amato quelle granite sciolte affogate nelle bollicine, ma a volte capita di fare degli esperimenti per “vedere l’effetto che fa” a distanza di qualche tempo.
Ebbene, la ricetta del sorbetto la stra-consiglio perché è universale e va bene per tutta la frutta, occhio solo a calibrare lo zucchero in base all’acidità e alla dolcezza dell’ingrediente principale, lo spumante è opzionale, giusto se si desidera dare quel tocco anni 90. 🙂

sorbetto lamponi e spumante2

SORBETTO AI LAMPONI E SPUMANTE

500 gr di lamponi
175 gr di zucchero
1 cucchiaino di succo di limone
Spumante metodo classico qb

Lavare i lamponi eliminare quelli chi rovinati e frullarli.
Passare il lamponi in un colino tipo chinoise per eliminare qualche semino, oppure se non danno fastidio il passaggio si può omettere.
Aggiungere lo zucchero e il limone alla salsa e dare un altra frullata.
Inserire nella macchina del gelato e lasciar lavorare per una ventina di minuti il tempo che il sorbetto di apprenda.
Il sorbetto può essere consumato subito senza fare il passaggio in frezeer.

Disporre quindi il sorbetto nelle coppette e affogarle con lo spumante ben freddo.
Aggiungere qualche lampone a decorare.

1 Comment

  • Imma ha detto:

    Chicchissimo questo sorbetto tesoro è uno spettacolo una golosità unica e poi il colore mi ha conquistata al primo sguardo!!!Bacioni grandi,Imma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *