Torta di albumi

 

ciambella di albumi

Lo so lo so che sotto Pasqua vi serve come il pane questa ricetta.
Perché se siete un pochino come me per il venerdì delle ceneri, avrete preparato, una pastiera, una pizza di formaggio e/o casatiello e/o varie ed eventuali.
In frigo sostano una quantitativo di albumi non meglio precisato che è nessario smaltire.
Primo punto: congelare.
Gli albumi possono essere congelati senza problemi, scongelati e utilizzati all’occorrenza.
Io preferisco mettere il peso perché a volte penso che siano 3 a occhio e invece sono quattro e sballano le dosi delle ricette quindi è utile ricordarsi che un uovo di medie dimensioni, pesa 60 grammi così ripartiti:
– il guscio dell’uovo pesa mediamente 5-6 grammi
– l’albume 35-40 grammi
– il peso rimanente è dato dal tuorlo 17 gr circa.

Secondo punto: la torta di albumi.
non conosco modi migliori per impiegare una cospicua quantità di bianchi d’uovo, nella torta di albumi se ne possono utilizzare anche 10 o 12 e con poca fatica si possono togliere di mezzo rapidamente alienando le colazioni di tutta la settimana successiva. Le varianti sono numerosissime io ne ho provate svariate. Merito di un vecchio post scritto su cookaround, con tanto di tabella che riporto qui di seguito, con le dosi in base al quantitativo di albumi.

DOSI PER NUMERO DI ALBUMI
Albumi (n°) Zucchero (gr) Mandorle (gr) Farina 00 (gr) Burro fuso (gr)
1 35 20 19 19
2 70 40 38 38
3 105 60 57 57
4 140 80 76 76
5 175 100 95 95
6 210 120 114 114
7 245 140 133 133
8 280 160 152 152
9 315 180 171 171
10 350 200 190 190
12 420 240 228 228

 

ciambella di albumi2

TORTA DI ALBUMI E MANDORLE

350 gr di zucchero
200 gr di mandorle
190 gr di farina 00 setacciata
190 gr di burro fuso freddo
10 albumi (350 gr id albume)

Montare i bianchi d’uovo con lo zucchero, fino a che non saranno spumosi e formeranno le tipiche punte a becco di papera. Montare almeno 8-10 minuti.
Aggiungere le mandorle tritare finemente e mescolando delicatamente unire anche la farina.
Aggiungere il burro morbido, facendo attenzione che non sia caldo.

Preparare uno stampo antiaderente, la mia era una ciambella da 24, imburrarla e infarinarla e poi versare nello stampo.

Cuocere in forno ventilato a 180° per 30 minuti fino a che non è ben dorata e facendo la prova forando con una lama di coltello questa esce asciutta.

ALTRE VARIANTI TESTATE:

– Una volta non avevo burro a sufficienza e su 300 di albume ho usato 70 gr di burro e 100 di panna è venuta buona anche così.
– Ho provato ad aromatizzare con scorza di arancia o limone o vaniglia (come dice la ricetta originale) sempre buona.
– La farina di mandole può essere sostituita con quella la cocco, si asciuga un pochino prima come dolce, ma è ottima appena fatta

… E ovviamente buona Pasqua a tutti voi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *