Insalata di raperonzoli, caki grigliati e capperi croccanti

insalata di caki grigliati

Pare che Van Gogh abbia detto: “orange is the color of insanity”, invece Eugene Delacroix scrisse: ”Everyone knows that yellow, orange, and red suggest ideas of joy and plenty”, i R.e.m. parlano di Orange Crush, e arancio è anche il colore del Swadhisthana chakra che si posiziona poco sotto l’ombelico ed è legato al piacere sessuale e il sistema riproduttivo.

Io mi limito solo a arricchire un piatto aggiungendo colore arancione. Si mangia sicuramente, e prima di tutto, con gli occhi, così, mi ritrovo a pensare cosa vuol dire mangiare arancione in autunno, e quali sensazioni mi da? A cosa lo associo questo colore? E se esiste un legame tra gli alimenti che si tingono di questa veste…
Pensandoci, mi sono ritrovata quasi a volerne scrivere un trattato. Diverse sono le sensazioni che mi danno alimenti arancioni nelle diverse stagioni e ancora maggiore è la variabilità se al semplice colore associo una forma.

Difficile trovare un filo conduttore, che sia diverso dall’unire questo colore allo stato di benessere e di sensazione positiva e confortante. Un altra stagione mi suggerirebbe più la parola energizzante, aspro e tonificante. Ma siamo in autunno, il colore di questo mese è senz’altro questo, quindi dopo la zucca ecco i caki:

insalata di caki2

INSALATA DI RAPERONZOLI, CAKI GRIGLIATI e capperi croccanti

1 caki vaniglia
2 piccoli raperonzoli
olio evo
capperi croccanti
germogli di crescione

Scaldare una griglia o una padella antiaderente e disporre su di essa il caki tagliato a fette e privato dei semi.
Lavare i raperonzoli e tagliare a fettine sottili le radici, lavare bene le foglie e asciugarle.
Condire i caki e i raperonzoli con dell’olio, aggiungere i germogli di crescione. Io li ho fatti in casa con il mio germogliatore.
Infine invece del sale aggiungere dei capperi dissalati croccanti… una vera scoperta, sono uno snack peggio delle noccioline! Se non li conoscete cercateli!

pane nero ai cereali

PANE NERO AI CEREALI

500 gr farina per pane nero ai cereali
380 gr di acqua
6 gr di lievito di birra fresco
sale (se mangiate pane salato)

Sciogliere il lievito in poca acqua e mescolare.
Mettere la farina nella planetaria e aggiungere il lievito e tutta l’acqua. Lasciare glutinare l’impasto azionando la planetaria per circa un minuto a distanza di 15 minuti tra un impastata e l’altra.
Quando l’impasto comincerà ad essere elastico e compatto è pronto e può essere messo in frigo a maturare per 12 ore. Lasciato il frigo tutta la notte, al mattino, tirarlo fuori e farlo tornare a temperatura ambiente.
Rovesciare il pane su un piano infarinato. Fare le pieghe del filone (minuto 5:50) e infornare a 200 gr, con forno statico per circa 50 minuti. Controllate la cottura e tagliare una volta intiepidito.

6 Comments

  • Rossella ha detto:

    Raperonzoli??? Mi mancano 🙂
    Io sono ferma alla fiaba di Raperonzolo.
    E vedo che c’è anche il crescione, è tempo che solo sogno di farlo crescere sul balcone.
    Il pane è veramente un ottimo cotto finale a questo bel post.

  • simo ha detto:

    insolita ma intrigante questa bella insalata!

  • Carolina ha detto:

    I raperonzoli mancano pure a me! Pensa che mi è persino venuta in mente Barbie Raperonzolo… O.o
    I colori dell’autunno sono per forza quelli caldi. Non è autunno senza rosso, marrone e arancione.
    Buona giornata!

  • Serena ha detto:

    Che bel post, Elisa: l’arancione è uno dei colori che preferisco, ovviamente non per l’abbigliamento, perché essendo rossa sembrerei un semaforo, ma quando la natura si tinge di questo colore, il mondo mi sembra più luminoso che in estate. Ho tentato una sola volta di grigliare i cachi, con risultati penosi, forse ho utilizzato la qualità sbagliata

  • Elisa ha detto:

    @Serena: e’ dura grigliare caki morbidi! La varietà che serve è quella dei caki vaniglia o caki mela.

  • Elena ha detto:

    Splendido!!!! Un’insalata energetica, l’arancione io lo vedo così e poi accompagnata con questo splendido pane direi che è perfetta e molto rustica! Baci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *