Insalata di pere calde e gorgonzola

insalata di pere e gorgonzola_4543

Voglio un autunno rosso come l’amore, giallo come il sole ancora caldo nel cielo, arancione come i tramonti accesi al finire del giorno, porpora come i granelli d’uva da sgranocchiare. Voglio un autunno da scoprire, vivere, assaggiare.
Stephen Littleword.

insalata di pere e gorgonzola_4561

INSALATA PERE CALDE E GORGONZOLA
(x3)

3 pere abate
200 gr di gorgonzola
50 gr di spinacini
olio extravergine d’oliva fruttato medio-intenso
150 ml di champagne o vino bianco
acqua qb
50 gr di zucchero
sale

Per la pasta brisèe:

180 gr di farina
50 gr di burro
70 ml d’acqua
1 pizzico di sale

Spellare le pere con un pelapatate.
In una pentola mettere lo champagne, lo zucchero, e l’acqua necessaria coprire le pere.
Lasciar cuocere 15 minuti per farle ammorbidire.
Togliere le pere dal fuoco e farle freddare completamente.

Intanto preparare la brisèe.

Alla farina aggiungere il burro freddo tagliato a cubetti, mescolare velocemente fino ad ottenere un composto sbricioloso. Aggiungere l’acqua e questa verrà assorbita rapidamente compattando l’impasto.
Avvolgere in pellicola trasparente e riporre in frigo, per un ora.

Stendere la pasta brisèe abbastanza sottile 1 o 2 mm in un rettangolo e tagliare delle striscioline larghe 1 cm.
Livellare la base delle pere in modo che si mantengano in piedi belle dritte.

Avvolgere le pere con le strisce di brisèe, iniziando dalla cima e via via a scendere. Arrotolare fino a che la striscia non è finita poi aggiungere la successiva, fino ad arrivare alla base.

Mettere in una teglia e infornare a 180° per 15 minuti, il tempo che si la brisèe inizia a colorarsi.

Nel frattempo condire l’insalata con olio e sale, aggiungere il gorgonzola a dadini e volendo qualche noce.
Aggiungere la pera al centro e servire subito.

Altre idee:
Le pere possono anche essere mangiate come dessert magari facendo una brisèe dolce, accompagnate con una pallina di gelato o della crema/salsa al cioccolato.

Fonte:
Idea presa girovagando su Pinterest, ma perdonatemi non ricordo assolutamente l’autore.

4 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *