Miniburger al carbone vegetale

Arriva anche la fine di questa settimana, arrivo un po’ di corsa a scrivere questo ultimo post perché è stata una settimana bella piena.

Ieri ci siamo sentiti per gli aggiornamenti su cosa fare questo weekend, voi cosa farete?
Personalmente non ho voglia di programmare per il momento, penso che in base a quello che mi andrà di fare mi muoverò di conseguenza perché non voglio sovraccaricarmi e voglio anche un po’ di tempo per poter cucinare e fotografare.

A volte il venerdì se mi avanza qualche minuto mi faccio una scaletta sia della spesa da fare sia delle ricette che vorrei preparare così evito il più possibile gli sprechi, ma non nego che mi piace anche entrare in cucina e avere diversi ingredienti per poter scegliere cosa preferisco, o ancora decidere una ricetta in base al prodotto di turno che è prossimo alla scadenza e che quindi è da consumare.

Il caso invece dei miniburger al carbone vegetale è stata solo la “fortuna”, diciamo così, di aver intercettato uno di quei sacchettini che sono tanto di moda ultimamente. Ho visto che hanno preparato un po’ di tutto con il carbone vegetale, persino la mozzarella oramai… pensare che fino a qualche anno fa era venduto solo in pastiglie come integratore alimentare per… fatemi soprassedere… Oggi invece è largamente usato anche in molti prodotti alimentari che assumono ovviamente un intenso colore nero. La prima volta che mo mangiato questi panini al carbone vegetale ero all’Approdo mi pare e ho voluto replicarli.

MINI BURGER AL CARBONE VEGETALE

450 gr di farina 0
50 gr di carbone Vegetale
125 ml di latte fresco intero
125 ml di acqua
50 gr di burro
20 gr di zucchero
7 gr di lievito di birra secco
10 gr di sale
Semi Di sesamo bianco
olio extravergine d’oliva

Per il ripieno:
Piccole polpette o hamburger
senape e maionese
una foglia di lattuga

Setacciare la farina nella planetaria insieme al carbone vegetale, aggiungere lo zucchero, il lievito, l’acqua ed il latte iniziare al impastare, con il gancio per il pane, dopo una prima impastata aggiungere il sale e continuare fino a che non si sarà formata una palla liscia ed elastica.

Mettere l’impasto in una ciotola leggermente unta d’olio, coprire con la pellicola e far lievitare al riparo da spifferi per circa 3 ore, o comunque fino a quando l’impasto avrà raddoppiato il suo volume.
Trasferire l’impasto sul piano di lavoro e formare delle pallina da 80 gr l’una.
Ne verranno quindi 8.

Fare le pieghe e formare dei panini, adagiarli su teglie ricoperte di carta forno e lasciare lì coperti da un canovaccio pulito fino a che non avranno raddoppiato nuovamente di volume, un oretta.

Spennellare il panini di olio e spolverare con il sesamo.

Preriscaldare il forno a 200° (statico), io aggiungo la funzione vapore leggero, in alternativa posizionare un pentolino piano d’acqua in basso. Cuocere per 5 minuti, ad alta temperatura poi abbassare a 180° e propseguire per 20 minuti.

Tolti dal forno, attendere un poco ci si freddino poi tagliare e farcire con polpette e hambur e salse a piacimento. Io ho avevo fatto delle polpette di vitella e ho aggiunto quelle con una salsa mix tra maionese e senape.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *