Ciambelle fritte

Di cosa mangerò per pranzo non mi sono nemmeno posta il problema, quando stai dietro ai fritti di carnevale, bisogna mettere in preventivo che si fa quello nient’altro. Perciò si sacrifica la domenica, si sacrifica la cucina pulita per ritrovarsela poi bella unta e puzzolente di fritto, si sacrificano i bei capelli puliti per ritrovarseli anche quelli ben impregnati del medesimo odore della cucina… allora ti domandi: “Ma queste cavolo di ciambelle le potevo comprare al forno vicino casa?”
Eh! no! Sia maaaaai! E chissà con quele olio friggono quelli là?! E poi chissà quanto avrà fritto quell’olio là! E ancora chissà quali farine… Quindi ci si sacrifica e, si spera di rimanere soddisfatti almeno del risultato perché ne deve davvero valere la pena.

La ricetta funziona e va bene sia per le ciambelle, sia per le bombe che si possono farcire a piacimento.

CIAMBELLE FRITTE

1 kg di farina media w 170
300 ml di latte tiepido
6 uova
250 gr di burro fuso
200 gr di zucchero
7 gr di lievito secco di birra
1 pizzico di sale
2 litri di olio di semi (si può fare a metà con l’extravergine)
zucchero semolato per la rifinitura

Sbattere le uova con lo zucchero e aggiungere il latte.

In una ciotola grande mettere la farina e il sale, quindi versare il latte con le uova mescolando bene. Aggiungere il burro fuso, il lievito, sempre mescolando per incorporare aria.

L’impasto deve avere consistenza morbida e si deve staccare dalla mano quando lo si tocca. Far riposare coperto per circa due ore finché non raddoppia di volume.

Stendere l’impasto formando le ciambelle della grandezza desiderata. Con queste dosi ne vengono 10 grandi e una 15ina piccole.

Tagliare la pasta con un bicchiere infarinato i bordi esterni e con un tubo da cannoli il centro. Se si vogliono preparare la bombe, ovviamente lasciare i dischi senza buco. Lasciar lievitare ancora per circa 30 minuti .
Portare l’olio a temperatura di 170° C se si vuole un fritto bello chiaro è necessario che la temperatura non salga troppo, friggere in olio abbondante poche ciambelle per volta. Quando sono così piccole il buco centrale tende a chiudersi così io le ho fritte con all’interno il tubo da cannolo mignon, togliendolo dopo la cottura.

Scolare le ciambelle sulla carta assorbente, passarle in una ciotola con lo zucchero e mettere nel piatto da portata.

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *